I benefici dell’Educazione Finanziaria

Dalle statistiche internazionali risulta che siamo tra i popoli più assidui risparmiatori, ma purtroppo non lo siamo anche tra i più consapevoli poichè non possiamo sfruttare i benefici dell’educazione finanziaria, al punto che siamo confinati stabilmente tra le popolazioni meno preparate sui concetti base del risparmio e degli investimenti, ultimi tra i Paesi del G7. Questo è pericoloso, perché non solo ci espone a scelte azzardate, ma ci impedisce anche di costruire un rapporto sano e possibilmente paritario con chi ci propone qualsiasi investimento.

Il mondo intorno a noi continua a cambiare in modo vertiginoso e per convivere con questi cambiamenti dobbiamo attrezzarci per tenere il passo. Tutti noi ogni giorno operiamo movimenti finanziari che incidono sul nostro stile di vita e quindi l’ignoranza non può più essere una scelta.

La conoscenza finanziaria quindi è importante perché influenza le scelte economiche a cui è collegato il benessere delle persone. È il processo attraverso il quale le persone, i consumatori, gli investitori possono migliorare la propria comprensione di nozioni e strumenti finanziari ed anche previdenziali, attraverso dei veri e propri incontri d’istruzione e informazione tramite una consulenza oggettiva. Conoscere i concetti base della finanza comportamentale e l’ABC della finanza, ci aiuta a vivere meglio poiché ci permette di comprendere come funzionano i meccanismi del nostro cervello nel prendere, nella realtà, le nostre decisioni di investimento.

E’ dimostrato che coloro che hanno maggiore conoscenza finanziaria pianificano di più il proprio futuro e investono meglio i propri risparmi. In altri termini, la conoscenza paga ed è per questo che dobbiamo impegnarci a migliorare l’alfabetizzazione finanziaria in Italia. Ad esempio nei periodi di volatilità dei mercati sono molti gli investitori che, in assenza di una educazione finanziaria adeguata, reagiscono con forte preoccupazione perché sono spaventati dal rischio di perdere quello che si è capitalizzato e addirittura di avere serie ripercussioni sul patrimonio.

La volatilità fa parte dei mercati poiché oscillano nel breve termine ed è molto difficile prevedere il loro andamento, ma il panico non può essere la risposta adeguata. Ritengo che la diversificazione dei capitali investiti sia davvero importante perché permette di distribuirli in classi di investimento diverse. La globalizzazione dei mercati finanziari internazionali e la comparsa di prodotti e nuove soluzioni, permettono di investire in Paesi e asset class diversi, attraverso strategie di investimento variegate

I principali benefici di un portafoglio diversificato a livello globale sono: il contenimento del livello complessivo di rischiosità dell’investimento, la riduzione della correlazione tra asset diversi, l’attenuazione della volatilità. Ciò permette di ridurre le conseguenze di eventi geopolitici o legati ai tassi di cambio che possono avere un impatto importante sugli investimenti. Le valutazioni da fare sono quindi complesse e, per questo, allargare gli scenari dei propri investimenti può contribuire ad ottenere risultati migliori nel lungo periodo. Certo la diversificazione non esclude i normali rischi connessi a qualsiasi tipo di investimento, ma in un mondo sempre più globalizzato, si rivela una delle azioni più importanti per un investimento efficace.